Condividi:

La Terza Pagine di #Radio1088

Questa domenica si apre con la notizia di un’installazione destinata a fare scandalo: un giovane artista ha realizzato un pezzo che ritrae Salvini nell’atto di sparare a due migranti. Esposta a Napoli all’interno della mostra collettiva ‘Virginem=Partena‘ nella galleria Nabi Interior Design, secondo l’autore è un modo per screditare i messaggi discriminatori e razzisti dell’ex ministro degli interni. Si torna poi a parlare della celebrazione del 750° anno dalla nascita di Dante e della lingua italiana, con la proposta di alcuni tra gli autori e linguisti di spicco della penisola, che propongo la fondazione di un museo dedicato alla lingua italiana, mentre nel frattempo a Londra è stata inaugurata una nuova Walk of Fame esclusivamente a tema musicale. Le magie della tecnologia continuano a fare prodigi: grazie ai passi avanti compiuti nell’intelligenza artificiale, sono stati scoperti nuovi disegni facenti parte delle famose Linee di Nazca, patrimonio UNESCO dal 1994. Imperdibile poi l’appuntamento a Torino con il Torino Film Festival (22 – 30 novembre), che quest’anno omaggia Barbara Steele e il cinema horror. Vi segnaliamo infine la mostra dedicata a Modigliani nella sua Livorno, visitabile fino al 16 gennaio 2020, in preparazione al centennale dalla morte che si celebrerà nel 2020.

 

PROPOSTE

Torino Film Festival

Il 37mo Torino Film Festival è partito il 22 novembre e si conclude il 30 novembre. Sul manifesto ufficiale troneggia il volto di Barbara Steele, mitica regina dell’horror all’italiana Anni 60. Ma al festival ci sono anche i film di Monica Bellucci, Margot Robbie, Daniel Craig, Jasmine Trinca. La giuria presieduta dalla regista Cristina Comencini assegnerà i premi principali. Carlo Verdone che ha esaltato la manifestazione: “Ci sono la bellezza di 200 film, è proprio una festa del cinema. La cosa importante che ci sono tanti ragazzi che si cimentano con l’arte cinematografica e finalmente hanno una loro chance”. – LINK

A Londra una ‘Walk of Fame’, prima targa per gli Who

Anche Londra ha la sua ‘Walk of Fame‘ in stile Los Angeles, tutta dedicata ai musicisti. E’ stata inaugurata nel quartiere di Camden la ‘Music Walk Of Fame’, una passerella simile a quella americana di Hollywood Boulevard, pavimentata coi nomi di quanti hanno reso grande il cinema e lo spettacolo ‘made in Usa’. Nella capitale britannica invece devono prendere posto quanti hanno fatto la storia del rock e del pop. I primi a ricevere questo riconoscimento sono stati gli Who, grandi protagonisti degli anni Sessanta e Settanta e ancor oggi in attività, nonostante gli oltre 70 anni di età dei suoi due principali componenti. – LINK

Perù, scoperti 143 nuovi disegni giganti nel deserto di Nazca: merito dell’intelligenza artificiale

Le Linee di Nazca, quei disegni giganti che l’Unesco ha dichiarato patrimonio mondiale nel 1994, si arricchiscono di nuove figure. Un team di ricercatori giapponesi della Yamagata University, guidato dal professore Masato Sakai, è riuscito a localizzare e individuare 143 nuovi geoglifi, questo il nome tecnico, nella parte occidentale del deserto di Nazca. La scoperta è frutto di oltre dieci anni di lavoro, condotto attraverso lo studio sul campo e il supporto di immagini satellitari e non solo –  LINK

Vogliono il Museo della lingua italiana

Dal poeta e scrittore Valerio Magrelli allo scrittore Michele Mari, passando per Giorgio van Straten e Giorgio Vasta. Senza dimenticare l’attrice Lella Costa e il cantautore Giuseppe Peveri in arte Dente. Sono già più di 2.000 i firmatari della petizione, condivisa anche da molti illustri linguisti, ‘per un museo della lingua italiana, che ne celebri la storia, l’importanza, la ricchezza’, lanciata sul sito change.org e indirizzata al ministro dei Beni culturali e del Turismo, Dario Franceschini, e al ministero di via del Collegio Romano. A promuovere l’iniziativa è il gruppo di lavoro coordinato dal linguista Luca Serianni che nel 2003 ha organizzato la mostra voluta dalla Società Dante Alighieri sulla lingua italiana a Firenze. – LINK

Napoli, esposta scultura di Salvini che spara a migranti

Matteo Salvini armato di pistola giocattolo spara a due migranti africani in versione zombie: è l’opera di Salvatore Scuotto che oggi viene esposta a Napoli nella mostra collettiva ‘Virginem=Partena‘ nella galleria Nabi Interior Design. “Ho voluto rappresentarlo come un bambinone che gioca ad un videogame popolato da fantasmi, come si vede dai dettagli della pistola che è intenzionalmente sproporzionata. Dico che il suo messaggio politico è infantile, come una costante Play station in cui bisogna individuare il nemico e abbatterlo”, ha spiegato l’autore. – LINK

Modigliani nella sua Livorno

Modigliani e l’avventura di Montparnasse. Capolavori delle collezioni Netter e Alexandre‘ è la grande mostra che Livorno, città natale, dedica, fino al 16 febbraio 2020, al suo grande artista nel centenario della scomparsa al Museo della Città, nel quartiere Venezia. L’esposizione, organizzata dal Comune insieme all’Istituto Restellini di Parigi, con la partecipazione della Fondazione Livorno, fa ammirare 14 dipinti e 12 disegni di Amedeo Modigliani (1884-1920), opere raramente visibili dal pubblico. Accanto alle opere di Modigliani, un centinaio di altri capolavori, anch’essi collezionati da Jonas Netter a partire dal 1915, opere rappresentative della grande École de Paris. – LINK