Condividi:

La terza pagina di Radio1088

Grandissimo successo per la Prima della Scala, svoltasi ieri con l’esecuzione della Tosca che ha riscosso un larghissimo consenso: 16 minuti di applausi, i complimenti del Presidente della Repubblica e una standing ovation per lui. L’applauso finale è il secondo più lungo della storia. Tanto cinema in questa settimana passata e nella programmazione degli eventi bolognesi della prossima: a 25 anni dalla morte di Gian Maria Volontè si rinnova la memoria del grande attore con eventi, rassegne e incontri che celebrano il suo talento e la commistione tra l’arte della recitazione e l’impegno civile che hanno contraddistinto la sua carriera. Ma arrivano anche gli annunci dei premi dell’European Film Awards, con il trionfo del greco Lanthimos, che ha vinto otto premi, e un’Italia che invece torna a mani vuote nonostante le speranze nutrite per una possibile vittoria di Il traditore. All’interno del programma per la riorganizzazione del MiBACT prende poi corpo un importantissimo progetto di digitalizzazione del patrimonio storico italiano, che darà l’opportunità a tutti i cittadini di accedere con il massimo della libertà a documenti, reperti e manufatti depositati all’interno degli archivi informatici delle biblioteche e degli istituti di cultura nazionali. Infine vi segnaliamo le ricchissime rassegne proposte dalla Cineteca di Bologna per il mese di dicembre, con una fitta programmazione dedicata al cinema del popolo curdo, passando alla celebrazione del musical per arrivare alla rassegna di documentari organizzata all’interno della manifestazione di respiro nazionale Il mese del documentario. In Lombardia l’atmosfera si tinge di nero con il Noir Festival, manifestazione diffusa che tra Como e Milano celebra il genere noir con eventi, workshop, incontri, proiezioni e mostre all’insegna del brivido.

Venticinque anni senza/con Gian Maria Volonté. Vicari: “I giovani lo amano come il rock

Il 6 dicembre 1994, sul set di Angelopoulos Lo sguardo di Ulisse, moriva Gian Maria Volonté.  Venticinque anni dopo, una due giorni a Roma di proiezioni, performance, riflessioni su questo grande interprete, ’25 anni senza/con Gian Maria Volonté’, evento organizzato da La Valigia dell’attore e la Scuola Volonté. L’approccio che ha avuto alla recitazione è un unicum; nessun altro ha sviluppato un modo di lavorare così peculiare, sono rarissimi gli attori ma anche i cineasti che hanno messo il proprio mestiere a servizio dell’evoluzione e del miglioramento della società come ha fatto lui. –  LINK

European Film Awards, trionfa Lanthimos. Nessun premio per “Il traditore” di Bellocchio

Nella notte berlinese degli European film award trionfa La Favorita di Yorgos Lanthimos con otto premi tra cui migliore film commedia, regia e la protagonista, Olivia Colman. Nessun riconoscimento per Il traditore di Marco Bellocchio, che pure concorreva in quattro categorie importanti: film, regia, sceneggiatura e l’attore, Pierfrancesco Favino. Niente da fare anche per i due registi italiani che concorrevano come miglior documentario, Selfie di Agostino Ferrente e La scomparsa di mia madre di Beniamino Barrese –  LINK

Prima della Scala, 16 minuti di applausi per Tosca

Sedici minuti di applausi a fine opera, ovazioni ai tre protagonisti Anna Netrebko, Francesco Meli e Luca Salsi, lunghissimi battimani alla fine di ogni atto e una standing ovation di 4 minuti per il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. La Tosca della Prima della Scala è stato un trionfo sia per la messa in scena allestita dal regista Davide Livermore sia per la musica di Giacomo Puccini diretta dal maestro Riccardo Chailly. L’applauso finale è stato il secondo più lungo da quando viene misurato: restano imbattuti quei 20 minuti che salutarono la conclusione di una Armide diretta da Riccardo Muti e con la regia di Pier Luigi Pizzi del 1996. – LINK

Digital Library, progetto per mettere in rete il patrimonio artistico italiano

Tra le novità principali del regolamento per la riorganizzazione del ministero per i Beni culturali (Mibact) approvato dal Consiglio del ministri c’è anche il piano per la creazione di una Digital Library del patrimonio culturale in Italia. Un progetto che sarà portato a termine attraverso la creazione di un Istituto per la digitalizzazione, che proverà a mettere in rete il materiale proveniente da oltre cento archivi, dalle biblioteche, dagli archivi delle soprintendenze e dagli istituti culturali. – LINK

Il cinema del popolo curdo, That’s Musical! e Il mese del documentario: le rassegne della Cineteca di Bologna

A partire dal 6 dicembre tre ricchissime rassegne cinematografiche nella programmazione della Cineteca di Bologna: un omaggio al cinema del popolo curdo e al suo cinema nazionale, che è espressione di una cultura, che traccia i confini di un’identità e di una storia – di repressione, guerra, migrazioni. Un cinema illuminato dai bambini: Visioni rare, emozionanti, imperdibili. Ma anche le giornate dedicate al musical: assieme a Bologna, entriamo a passo di danza nella storia del cinema per una trascinante rassegna dedicata al musical di ogni epoca e latitudine. E infine il ritorno del mese del documentario: Giunto alla sua VI edizione, ‘Il Mese del Documentario‘ è una delle manifestazioni più rappresentative dedicate alla diffusione del cinema del reale nel nostro paese. Un “festival diffuso” che propone il meglio della produzione documentaristica italiana e internazionale a Roma e in un network territoriale che coinvolge importanti città italiane dal nord al sud – LINK

Noir in Festival – Milano\Como

“Le film noir est un film de mort”. Onirico, crudele, erotico, sadico, brutale nella sua rappresentazione della violenza. A lungo si è dibattuto sul significato del termine. Uno stile, un genere? Una definizione che pur rimanendo aperta, volutamente transgenere, abbraccia cinema, letteratura, fumetto, comunicando con immediatezza atmosfere, trame, psicologia dei personaggi. Il Noir in Festival arriva oggi alla sua ventinovesima edizione, che si terrà a Como e Milano fino al 12 dicembre, sotto la direzione di Giorgio Gosetti, Marina Fabbri e Gianni Canova, a rinnovare ogni anno la sua mitologia. Già a partire dal manifesto, a firma di Lorenzo De Felici, colorista per la Sergio Bonelli Editore e la Walt Disney America, si apre nel segno della memoria, ricordando gli ottant’anni di Batman, il cavaliere oscuro che sarà presto protagonista di un nuovo adattamento cinematografico diretto da Matt Reeves, con protagonista Robert Pattinson.  –  LINK