Condividi:

La Terza Pagina di #Radio1088

Tempo di celebrazioni natalizie e di eventi immersi nelle atmosfere di festa che oramai si avvicinano: il 18 dicembre a Bologna si terrà infatti il tradizionale concerto di Natale del Collegium Musicum, che ha selezionato quest’anno le opere di Respighi, Rachmaninov e Poulenc, insieme a una grande varietà di canti tradizionali natalizi per farci immergere nei suoni e colori del Natale. Ancora a tema natalizio il nuovo esperimento di Bansky, che ha chiesto ad un senzatetto di Birmingham di stendersi su una panchina da lui trasformata in una slitta di Babbo Natale, mentre con una camera lui osservava le reazioni dei passanti: sorprendenti i gesti di solidarietà di cui è stato destinatario. Mentre a Bologna sta per terminare l’esposizione fotografica che racconta la storia del razzismo e la resistenza del pregiudizio attraverso secoli e culture, a Roma apre il 17 dicembre la nuova mostra dedicata al mitico Sergio Leone: ospitata dall’Ara Pacis e proposta dalla Cineteca di Bologna, mira a diffondere le opere e le passione del grande maestro del cinema tra i più giovani, promuovendo la sua memoria anche attraverso la pubblicazione di un volume a lui dedicato. Ma ancora, a Catania i cuochi ritratti all’interno del teatro Bellini dal fotografo Fabrizio Villa dopo la fine di un importante meeting del settore è diventata foto dell’anno per proposta del New York Times, facendo il giro del mondo e promuovendo la cultura del cibo come quella lirica, tra le arti che più di tutte hanno un cuore italiano al loro centro. Infine la notizia della triste scomparsa di Danny Aiello, volto del cinema italoamericano e iconico interprete di numerosissimi film per grandi registi, da Sergio Leone a Spike Lee.

C’era una volta Sergio Leone – dal 17 dicembre a Roma

Sergio Leone ha reso leggendario il racconto filmico della storia di miti come il West o l’America. Dopo oltre mezzo secolo, lui stesso è diventato mito: si chiama infatti “C’era una volta Sergio Leone“, parafrasando i titoli dei suoi celebri film. La grande mostra è ospitata all’Ara Pacis dopo il successo riscontrato alla Cinémathèque Française a Parigi. Proposta dalla Cineteca di Bologna, prodotta e curata in collaborazione con la Cinémathèque Française e l’Istituto Luce Cinecittà, la mostra ha carattere multisensoriale: si configura come un viaggio attraverso l’universo dell’artista per conoscere la lavorazione dei suoi film di culto ma anche l’uomo e la sua formazione. Comprenderà anche una retrospettiva e la pubblicazione del volume ‘La rivoluzione Sergio Leone’, a cura di Christopher Frayling e di Gian Luca Farinelli, direttore della Cineteca di Bologna che lavora da anni sul cinema di Leone, con i restauri dei suoi film. –  LINK

Concerto di Natale del Collegium Musicum

Torna il consueto appuntamento con il concerto di Natale del Collegium Musicum dell’Alma Mater. Mercoledì 18 dicembre, alle 21 in Aula Magna di S. Lucia, verranno eseguiti pezzi di Rachmaninov, Respighi e Poulenc e vari canti a tema natalizio per preparare l’atmosfera delle feste in arrivo. A dirigere Enrico Lombardi, Roberto Pischedda e David Winton, soprano Anna Maria Sarra. La manifestazione è dedicata quest’anno al lancio della campagna di crowdfunding a favore dell’Orto Botanico dell’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna. Ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili. –  LINK

Banksy, il senzatetto diventa Babbo Natale

“Dio benedica Birmingham. Nei 20 minuti in cui abbiamo filmato Ryan su questa panchina, i passanti gli hanno offerto una bevanda calda, due barrette di cioccolato e un accendino – senza che lui abbia mai chiesto nulla”. E’ il messaggio che accompagna il video del nuovo murales di Banksy. L’artista ha ripreso il senzatetto Ryan mentre si stende su una panchina che nel frattempo ha trasformato in una slitta con le renne. In sottofondo ‘I’ll be home for Christmas‘ cantata da Joy Williams. In due ore le visualizzazioni sono state oltre un milione e 200mila. Tanti i cuori e i commenti commossi per l’opera. – LINK

È morto Danny Aiello, italoamericano al cinema per Sergio Leone e Spike Lee

È morto Danny Aiello, attore caratterista famoso per i ruoli di italoamericano. Aveva 86 anni. La sua morte è stata confermata dalla portavoce, Tracey Miller, che ha rilasciato un breve comunicato: “Con profondo dolore annunciamo che Danny Aiello, amato marito, padre, nonno, attore e musicista, ci ha lasciato la scorsa notte dopo una breve malattia”. Nato a New York nel ’33, il padre era un operaio figlio di immigrati e la madre era una sarta originaria di Napoli. Il debutto al cinema risale al 1976 con Il prestanome, diretto da Martin Ritt. Tra i tanti film, ha lavorato in ‘Fa’ la cosa giusta‘, per il quale fu nominato agli Oscar, in ‘C’era una volta in America‘ e ‘Stregata dalla luna‘ – LINK

I cuochi di Catania foto dell’anno

Un congresso di chef al Teatro di Bellini di Catania, cappelli e giacche bianche in ordine sparso nei palchi e in platea. La fotografia di Fabrizio Villa, fotogiornalista, collaboratore del «Corriere della Sera», è stata scelta dal «New York Times» tra le foto dell’anno. Lo scatto è stato realizzato lo scorso 1° aprile in occasione del congresso nazionale dei cuochi, durante la manifestazione Cibo Nostrum 2019 a Catania. Villa ha colto il movimento dei cappelli bianchi che subito dopo la foto ufficiale fermi e in posa, iniziano a rompere le righe. La foto, distribuita dall’agenzia internazionale Getty Images, ha fatto il giro dei media internazionali, diventando un omaggio al tempio della lirica catanese che in questo momento naviga in cattive acque – LINK

Che Razza di Storia. Come il razzismo non invecchia mai

Ultima settimana per assistere alla mostra sulla storia del razzismo, Che Razza di Storia. Come il razzismo non invecchia mai, allestita presso l’Istituto storico Parri – Museo della Resistenza di Bologna (via Sant’Isaia, 20). Sei percorsi fotografici che raccontano le storie dei migranti nell’Italia e nell’Europa di oggi, allestiti a fianco ad un’antologia dell’Offesa della razza, mostra documentaria sul razzismo del ventennio fascista a cura dell’IBC della Regione Emilia Romagna. Per una riflessione sull’odissea delle migrazioni che non sia immemore della storia del razzismo italiano.  –  LINK