Condividi:

LO STRILLONE DI #RADIO1088

Mercoledì 27 Novembre. Aggiornamenti dall’Albania, dove si continuano a contare i danni e sale il numero delle vittime. Si parla di una situazione analoga a quella del Centro Italia, dove sono previste scosse di assestamento per i mesi avvenire. Spostandoci in Brasile, 4 rappresentanti di ONG sono stati accusati di aver appeso alcuni incendi in Amazzonia. Tuttavia c’è il forte sospetto che dietro questa accusa ci sia la mano del presidente Bolsonaro, che avrebbe architettato il tutto per mettere in cattiva luce le ONG. In Gran Bretagna in questo momento sulle strade ci sono docenti e studenti che stanno manifestando per proteggere le proprie pensioni e i propri diritti, messi sotto minaccia dalle recenti riforme del paese. Tornando in Italia, si allarga l’inchiesta sull’ex fondazione renziana Open, con la perquisizione di altri elementi vicini a Renzi, e l’accusa di aver agito da articolazione di partito. Sulla situazione strade, Conte ha dichiarato di voler revocare il controllo ad Autostrade per l’Italia, vista la situazione dei diversi ponti a rischio crollo. Infine, triste notizia dalla Capitale, dove alcuni vandali hanno imbrattato le targhe delle vie intitolate alle vittime delle leggi razziali. C’è stato subito l’intervento del sindaco per ripristinare la normalità.

LE NOTIZIE

 

REPUBBLICA

  • Venti ponti a rischio. Conte: revoca vicina per Autostrade

I pm di Genova accusano: “Grave degrado, la concessionaria non ha il polso della sicurezza”. Riapre a metà il tratto di A26 chiuso lunedì. Domani tocca alla carreggiata della A6 rimasta in piedi. LINK

  • Imbrattate le targhe delle vie intitolate alle vittime leggi razziali. Raggi: “Vergogna, ripuliamo subito”

Il tweet della sindaca di Roma con le immagini dello sfregio. La toponomastica delle due strade, che erano dedicate ai firmatari del Manifesto della razza, erano state modificate una settimana fa. LINK

CORRIERE

  • Terremoto in Albania: «Come in Umbria: la terrà tremerà per mesi e anni»

Il sismologo Alessandro Amato, responsabile del Centro Allerta Tsunami dell’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologi: «Evitato uno tsunami». LINK

  • Fondazione Open e Renzi, i pm: «Carte e bancomat ai parlamentari. Così finanziò il Giglio magico»

Secondo i pm i versamenti dissimulavano il sostengo all’attività politica dell’ex premier. LINK

 

OPEN

  • Brasile, arrestati 4 volontari di una Ong: sono accusati di aver appiccato incendi in Amazzonia. «Montatura per dare ragione a Bolsonaro»

Due parlamentari della sinistra ribaltano le accuse della polizia, dietro sospettano ci sia la mano del presidente brasiliano. LINK

  • Gran Bretagna, studenti (e Ai Wei Wei) al fianco dei docenti. Ma perché stanno scioperando migliaia di accademici?

Nel Regno Unito i docenti stanno lottando per proteggere le proprie pensioni e, in generale, i diritti ottenuti dalle precedenti generazioni di accademici. LINK

 

LA NOTIZIA…LAMPONE!

Google licenzia quattro dipendenti: «Stavano provando a creare un sindacato»

Situazione pressochè fantozziana in Google, dove quattro dipendenti sono stati licenziati con l’accusa di aver violato la privacy degli altri colleghi. La comunicazione è arrivata via mail dal team sicurezza, e sono sempre più le persone che chiedono trasparenza da parte dell’azienda. L’idea di dipendenti arrivisti e servili rimanda appunto alla Megaditta di Fantozzi, dove venivano ricalcati tutti gli stereotipi di un’azienda sfruttatrice. LINK

 

RICORRENZA

Nel 1942 a Seattle nasce James Marshall Hendrix, noto a tutti come “Jimi”, uno dei maggiori, se non il più grande innovatore della musica rock e della chitarra elettrica. Ebbe una breve carriera per via della sua scomparsa prematura, avvenuta a soli 27 anni, ma nell’immaginario di tutti rimane la grande performance di Woodstock del 1969, dove reinterpretò l’inno americano in maniera volutamente provocatoria. Lo ricordiamo qui con uno dei suoi più grandi successi.